Recensione: La signora degli scrittori di Sally Franson

Buongiorno lettori e bentornati sul blog! Oggi parleremo di una nuovissima uscita targata Garzanti ovvero “La signora degli scrittori” dell’autrice Sally Franson.

Ringrazio la casa editrice Garzanti per questa opportunità.

Titolo: La signora degli scrittori

Autrice: Sally Franson

Genere: Narrativa

Pagine: 304

Prezzo: 18,60€

Link d’acquisto: Clicca qui!

Trama: Il dietro le quinte del mondo dei libri come nessuno ve lo ha mai raccontato. Casey è giovane e brillante. È brava nel suo lavoro, nonostante la sua direttrice sia una donna impossibile, pronta a bocciare ogni proposta e a incutere timore a chiunque le stia intorno. Così, quando per la prima volta le affida un progetto da seguire da sola, Casey non può dire di no. Nessuno ha mai osato farlo. Eppure, quella che si trova di fronte sembra davvero un’impresa impossibile: convincere degli scrittori di grido a fare da testimonial per la pubblicità. Convincerli a uscire dal mondo dorato della letteratura, a esporsi in prima persona per qualcosa di diverso dalla loro opera. Casey ci mette tutto il suo impegno e comincia a incontrarli, uno dopo l’altro. Si trova ad avere a che fare con personaggi molto particolari: uno vuole sempre avere ragione; un altro odia tutti i colleghi; c’è quello che non ha mai letto un libro; e quello che non ha scritto nemmeno una riga dei suoi romanzi; un altro ancora non fa nulla senza tornaconto. Con Ben Dickinson, invece, Casey entra subito in sintonia, anche se sa che si tratta di lavoro e che non può lasciarsi andare. Per di più non ha tempo da trascorrere con lui, perché deve seguire le indicazioni della direttrice, che la conducono dritta dritta alla Fiera di Los Angeles: libri ovunque e cene infinite a parlare di lavoro. Un sogno per Casey. Un sogno che presto si trasforma in un incubo, perché qualcosa di inaspettato rischia di vanificare tutti gli sforzi fatti fino ad allora. Casey ha paura che la colpa sia solo sua, ma c’è chi è pronto a farle cambiare idea. Perché bisogna sempre credere nelle proprie capacità. Bisogna far sentire la propria voce, anche quando non viene ascoltata. Costi quello che costi.

Recensione: Casey Pendergast, la nostra protagonista, è una giovane donna brillante e sicura di sé che lavora come creative director alla People’s Republic Advertising, la migliore agenzia pubblicitaria indipendente della città. Casey è bravissima nel suo lavoro e cerca sempre di dare e fare il massimo per Celeste Winter, capo e fondatrice della People’s Republic, ma… Celeste è molto difficile da accontentare nonostante reputi la nostra protagonista una delle sue migliori lavoratrici. All’improvviso, le affida un nuovo progetto super segreto, infatti, non dovrà parlarne con nessuno. Dopo aver ascoltato cos’ha in mente il suo capo, Casey, non può fare a meno di ridere perché quello che deve fare è cercare di convincere vari scrittori a fare da testimonial per la pubblicità!

“Sei matta gli scrittori non sono influencer! Gli influencer sono tipo i diciassetteni con un canale YouTube!”

Da qui in poi inizierà la vera e propria storia che vedrà Casey alle prese con vari autori tutti diversi tra loro. Abbiamo l’affascinante Ben Dickinson e con lui son già scintille, la sintonia, la chimica e l’attrazione fra i due è pazzesca! Poi invece, Casey, incontrerà anche autori che sono l’esatto opposto di come li immaginava! E intendo assolutamente in peggio!

Nel corso della storia conosceremo la migliore amica di Casey, ovvero Susan, che non adora particolarmente il lavoro dell’amica della People’s Republic. Sono legatissime sin dai tempi del college e infatti, anni fa, sono subito entrate in sintonia (grazie ai libri) e da allora non si sono più lasciate! Inoltre, Susan, è una scrittrice formidabile che a parer di Casey non riesce ancora ad “uscire dal guscio”. Casey in gran segreto cercherà di aiutarla ma… diciamo che non tutte le azioni fatte a fin di bene vanno a buon fine.

La situazione prenderà una brutta piega quando Casey si recherà a Las Vegas
per l’ American Book Fair.

“Perché i libri, i buoni libri, quelli a cui resti aggrappato e a cui torni non ti deludono mai. Rappresentano il miglior tipo di evasione perché invece di condurti lontano da te stesso, finiscono per farti girare in tondo riportandoti a te stesso, agevolmente e piacevolmente, aiutandoti a vedere non solo come sono le cose, ma come sei tu.”

Quello che succederà metterà in gioco tutto quello per cui ha lavorato con tanto sforzo e dedizione e capirà che non sempre le persone sono quelle che sembrano. Passerà da stimare una persona a provare esattamente l’opposto per essa.
Ma dopo quel che è accaduto a Las Vegas, la nostra Casey, riuscirà con le poche forze che le sono rimaste a rialzarsi e farsi sentire?
Questo lo scoprirete solo leggendo! 

📚📚📚

“La signora degli scrittori” è un romanzo che tratta diverse tematiche molto attuali. Casey è una donna forte e sicura ma tutti si possono spezzare, soprattutto quando in pochi istanti un tornado di notizie annienta la tua vita e la tua reputazione.

“Gli uomini erano innocenti finché non se ne dimostrava la colpevolezza, le donne erano pazze finché non venivano credute.”

Le persone si rivelano veramente quello che sono solo nei momenti bui, una persona che tiene realmente a te, sta con te. Se ci tiene ti sta vicino anche quando tutto il tuo mondo è solo nero. E allora capisci che sei tu a doverti rimboccare le maniche e che sei prima tu a voler veramente far sentire la tua voce.
Per fortuna, a volte ci sono persone che ti vogliono veramente bene e che ti aiutano con tutte le loro energie. Ci vorrà tempo ma tutto si risanerà.

All’inizio questo romanzo non mi aveva preso più di tanto, sono riuscita a immergermi completamente nella storia da metà libro in poi ma devo dire che è stata proprio una lettura piacevole e fresca.
Assolutamente consigliato!

Voto: 4/5 ⭐

E voi lettori cosa ne pensate?
Vi ho incuriosito?

Baci e alla prossima!
Fede 🙂

Precedente Cover Reveal: Kiss me like you love me - Let the game begin (vol. 1) Successivo Recensione: La maga tessitrice di Helena Paoli