Recensione: Sarò sempre con te di Vincenzo Cancemi

Buongiorno lettori! Oggi vi parlerò di “Sarò sempre con te” un nuovo romanzo, fresco di stampa, che mi ha colpito particolarmente.

Ringrazio la casa editrice per la copia e la collaborazione.

Titolo: Sarò sempre con te
Autore: Vincenzo Cancemi
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 504
Prezzo: 19,00 €
Link d’acquisto: Clicca qui!

Trama: Siracusa, luglio 1991. Luca Coretti si prepara a sostenere l’esame di maturità. Sembra un ragazzo come tanti, introverso, rispettoso delle regole e del prossimo e con una forte passione per la letteratura e la filosofia. Ma non è così. La madre, Sandra, una donna dalle mille virtù, gli ha trasmesso una dote che è allo stesso tempo una condanna: un’estrema sensibilità che gli permette di entrare in sintonia con gli altri e di “sentire” i loro stati d’animo. Ed è un sopravvissuto: non ancora compiuti i quattro anni, Luca ha vissuto una tragedia familiare che ha fatto traballare il mondo felice che conosceva, instillando in lui il concetto che amore significhi sofferenza. Tra madre e figlio, uniti nel dolore, si crea una simbiosi perfetta, e lui decide che non vuole più vederla soffrire. Un giorno, Luca le chiede quale sia il suo desiderio più grande. La risposta diventerà la missione della sua vita.

Recensione: “Sarò sempre con te” è un romanzo che narra una storia di amore, sofferenza e rinascita.

La storia di una famiglia.

La storia di Luca.

Questo romanzo è un vero e proprio percorso nella vita di Luca perché tra queste pagine lo vedremo bambino, poi ragazzo e infine uomo. Leggeremo della sua crescita e delle sue lotte contro tutto ciò che la vita li riserverà.

Nei primi capitoli del libro conosceremo un “Luca bambino”, un piccolino pieno di gioia e vita che nutre un forte amore nei confronti dei suoi genitori. Ma un giorno… accadrà un evento terribile, una tragedia che segnerà per sempre il nostro giovane protagonista. A causa di questo, nel giro di pochi interminabili istanti, un dolore immenso colpirà la famiglia Coretti e questa circostanza legherà ancora di più Luca e sua madre Sandra.

Luca, al momento della tragedia, ha solamente quattro anni ma nonostante la sua giovanissima età si renderà conto all’istante che la sua mamma sta soffrendo tantissimo e che soprattutto si reputa la responsabile di ciò che è accaduto. L’amore sconfinato che il piccolo prova nei confronti di sua madre lo porterà a decidere di non volergli causare più altre sofferenze e l’unico modo per farlo sarà non deludendola mai. Mai e poi mai.

Inizialmente può sembrare una cosa da niente ma una responsabilità del genere è un grosso peso per un bambino. Lui vuole essere un bravo figlio per Paolo e Sandra, un bravo fratello maggiore per Simona, un bravo alunno a scuola e un bravo sportivo per non far preoccupare, deludere, soffrire o arrabbiare i suoi genitori, vuole renderli orgogliosi e farli vivere una vita felice e serena.

Luca è un personaggio davvero molto particolare ed è proprio questo il motivo per cui mi ha colpito. Sin da ragazzo (scuole/medie superiori) si può immediatamente notare la sua acuta intelligenza, il suo modo intenso di pensare ma soprattutto l’entità delle sue emozioni e sensazioni. Mi ha legato ancor di più a lui il fatto che abbia una forte passione per la poesia, la lettura e la scrittura ossia tre elementi che anche per me sono indispensabili.

L’evento che ha vissuto in prima persona da bambino si ripercuoterà anche in futuro e purtroppo questo non sarà l’unico terribile dramma della sua esistenza perché la vita lo metterà di fronte a tanti altri dolori. Saranno dei colpi davvero fortissimi per Luca e spesso si chiederà “Perché proprio a me?”.

“Questo mondo è un posto dove tutti dicono parlano e nessuno dice niente. Più una persona non ha niente da dire più parla.”

Non ho mai letto un libro del genere. Un libro così particolare e intenso. Un libro che ti fa fortemente riflettere sulla vita, sulle persone e le emozioni. Durante questa lettura ho trovato veramente molto belli i momenti pieni di saggezza e filosofia che Luca passerà con Ludovico, un senzatetto della sua città. Le loro conversazioni sono intense, forti e vere. Mi hanno dato volta per volta sempre più spunti di riflessione.

“Tu che sei saggio sai dirmi cos’è l’amore?”
Il filosofo fece un lungo sospiro.
“L’amore! Questa si che è una domanda degna di almeno una delle mille risposte che si potrebbero dare. L’amore è l’antiscienza per antonomasia. Principe e tiranno dei sentimenti. Addobbato di mille sfaccettature, ti prende e fa di te ciò che più gli aggrada. Ti confonde, ti ammalia, ti stacca dal suole e dolcemente inizia a farti sfrecciare tra le meraviglie del paradiso delle emozioni. Ma, infame e traditore, può sgretolarti il cuore, come cristallo nella tempesta, seppellendoti nel fuoco dell’inferno più buio e atroce.”

Il rapporto di Luca nei confronti della sua famiglia è bellissimo ma quello fra lui e sua mamma è indescrivibile, tangibile, incredibile. Sandra, la mamma di Luca, è una donna straordinaria, sempre pronta ad aiutare tutti con un sorriso che va da un orecchio all’altro, una donna piena di umiltà e valori che trasmetterà anche ai propri figli, una madre e moglie amorevole ed una professoressa che ama il suo lavoro.

Un giorno, Luca, chiederà a sua madre il suo desiderio più grande e la risposta diventerà la missione della sua vita. Il nostro protagonista riuscirà a realizzare il desiderio di sua madre? Riuscirà a combattere contro tutte le avversità? Ma soprattutto troverà quell’amore e quella felicità che sognava sin da ragazzino?

Cari lettori, questo lo scoprirete solo leggendo!

Ho terminato questo libro davvero in poco tempo! Nonostante sia un bel mattoncino dato che conta poco più di 500 pagine la scrittura è scorrevolissima e le parecchie descrizioni che troviamo non appesantiscono per niente la lettura, anzi, danno un tocco in più al romanzo. Le emozioni che ho provato durante la lettura sono state molto forti e verso la fine del romanzo a causa di determinate rivelazioni, sorprendenti coincidenze, verità e situazioni da togliere il fiato mi è caduta anche qualche lacrima a causa dell’emozione.

Infine, miei cari sognatori, voglio informarvi che tutti i ricavi dell’autore saranno utilizzati per una nobilissima causa, andranno in beneficienza.

Se dovessi descrivere questo libro con tre parole direi: Intenso, particolare ed emozionante.
Consigliato!

Voto: 4,5/5

Alla prossima,
Fede 😊

Precedente Nuova uscita: Shadowhunters - Fantasmi del mercato delle ombre di Cassandra Clare Successivo Recensione: Da qui si vede Capri di Matilde Gravili