Recensione: Gabbia del Re di Victoria Aveyard

Buongiorno lettori e bentornati sul blog con una nuova recensione! Oggi parleremo di “Gabbia del Re” terzo romanzo della serie “Regina Rossa” di Victoria Aveyard.

Ringrazio l’Oscar Vault per la copia e la collaborazione.

Titolo: Gabbia del Re
Autrice: Victoria Aveyard
Casa editrice: Mondadori  (Oscar Fantastica)
Genere: fantasy
Pagine: 473
Prezzo: 13,00 €
Link d’acquisto: Clicca qui!

Trama: Privata del suo potere e perseguitata dai tremendi errori commessi, Mare Barrow si ritrova prigioniera di Maven Calore, di cui un tempo era innamorata e che altro non ha fatto se non mentirle e tradirla. Diventato re, il ragazzo non desiste dal tramare per mantenere il controllo sul suo regno e sulla sua prigioniera. Nel frattempo, l’improvvisato esercito di novisangue e rossi di Mare continua a organizzarsi, a esercitarsi e a espandersi, mentre Cal, il principe esiliato che reclama il cuore della ragazza, è pronto a tutto pur di riaverla con sé.

“IL FUOCO DIVORERÀ TUTTO”

Recensione: Come avevo già precedentemente scritto nella recensione  di “Spada di Vetro” il secondo volume della saga non mi aveva entusiasmato particolarmente ma per fortuna nelle ultime 100 pagine il romanzo si era ripreso notevolmente e spinta dalla curiosità in questi giorni mi sono catapultata tra le righe di Gabbia del Re.
~ ~ ~
Gabbia del re riprende quasi esattamente dalla fine di Spada di Vetro dove Mare si consegna di spontanea volontà a Maven, come prigioniera, per salvare tutti i novisangue dal Re traditore.
A differenza del libro precedente, Gabbia del re parte già a ritmo più spedito. Nella prima parte del romanzo, Mare, essendo una prigioniera della corte di Maven è molto spesso a stretto contatto con quest’ultimo e di conseguenza possiamo conoscere ancora meglio lui e tutte le sfumature che lo caratterizzano. La madre di Maven, ovvero la Regina Elara, che Mare ha sconfitto e ucciso nelle ultime pagine di Spada di Vetro anche se non è più in vita continua comunque ad esistere attraverso Maven. Quest’ultimo è stato plasmato sotto il potere di sua madre che, avendo l’abilità di controllare le menti altrui, ha deciso di non risparmiare neanche suo figlio giocando con la sua mente e inserendo e togliendo pezzi come fosse un puzzle, cambiando i sentimenti e le emozioni che provava fino a fargli fare scelte che lui stesso non avrebbe mai fatto.
Ed è così che l’amore che provava per suo padre e suo fratello Cal si è trasformato in odio mentre quello per Mare in pura ossessione.
Per tutto “Spada di Vetro” Maven non vedeva l’ora di riaverla con sé e adesso che finalmente è di nuovo con lui non ha intenzione di lasciarla andare per nessuna ragione.
~ ~ ~
Ma siamo davvero sicuri che sarà così per sempre? Cal è furioso e con la Guardia Scarlatta farà di tutto per liberare la sua amata Mare dalle grinfie del fratello.
Evangeline
Una delle cose che ho apprezzato maggiormente in questo romanzo è stato l’inserimento di nuovi pov. Nei romanzi precedenti erano presenti solo quelli di Mare mentre in questo anche quelli di Cameron ed Evangeline. Sono stata molto contenta di poter leggere anche la prospettiva di Evangeline, che ammettiamolo non è un personaggio che proprio amiamo, ma grazie a questi pov ho scoperto le emozioni e i timori che caratterizzano questo  personaggio. Sarebbe fantastico poter leggere pov anche di altri come: Cal, Maven e Farley in “Tempesta di Guerra” quindi incrocio le dita!
Il personaggio che ho apprezzato di più è stato sicuramente Farley. Lei è una donna forte, coraggiosa e combattente che nonostante abbia passato le pene dell’inferno a causa di questa guerra e perso di recente il suo amato Shade (fratello di Mare) cerca sempre di rendersi utile e canalizzare tutta la rabbia e il dolore che prova per combattere Maven e i suoi alleati.
In questo libro la vedremo anche in “un’altra veste” che mi ha fatto tanto emozionare ma ovviamente mi tappo la bocca e non vi dico niente perché dovrete leggerlo voi con i vostri occhi!
Shade e Farley
Il rapporto tra Mare e Cal è migliorato fino a dirsi senza giri di parole ciò che provano realmente l’un per l’altra. Si amano tantissimo. Ma… i problemi sono sempre dietro l’angolo. Le ultime 150 pagine sono state davvero scorrevoli e interessanti tant’è vero che le ho lette tutte d’un fiato. Entrano in scena nuovi personaggi, si creano nuove strane alleanze, le strategie diventano sempre più complicate e le battaglie intense. L’epilogo vi lascerà un po’ di stucco perché un determinato personaggio compirà una scelta che sicuramente non vi aspetterete e che non crederete sia vera. Di conseguenza nel prossimo libro mi aspetto un motivo valido per cui il personaggio in questione dopo pochissimi minuti abbia deciso di compiere questa scelta.
Adesso non ci resta che da leggere l’ultimo romanzo e sinceramente non vedo l’ora!
Voto: 4,25/5⭐
Presto uscirà anche il post su IG!
Alla prossima,
Fede 🙂
Precedente Recensione: Il sole è anche una stella di Nicola Yoon Successivo Recensione: Il Progetto di Maria Grazia Pignata